Seconda-Vittoria-GIalloBlu

Seconda vittoria consecutiva per la Virtus Don Bosco

Sabato 11 Novembre h. 14:30 Campo sportivo Felice Levratto

Al Felice Levratto di Zinola va in scena la terza sfida stagionale valida per la seconda categoria.

Mr. Claudio Ponte si presenta con questa formazione: 1 Mantero Federico, 2 Giacomo Pucciarelli, 3 Siri Massimo, 4 Dondo Elia, 5 Siri Roberto, 6 Murja Maris, 7 Valle Alessio, 8 Rogna Andrea, 9 Sicari Giacomo, 10 Fazio Andrea, 11 Cimolato Mattia.

A disp. : 12 Berlanzoli Fulvio,13 Fazio Nicolò, 14 Bagliietto Manuel 15 Sali Andrea, 16 Calabria Michael, 17 Perata Emanuele, 18 Carabetta Rocco.

La squadra entra in campo con la giusta voglia e l’umore alto dalla precedente vittoria contro il Mallare.

Dopo alcuni tentativi non andati a segno, il numero 8, andato sulla fascia, scarica un pallone al limite dell’area per Valle Alessio che crossa in mezzo all’area, il pallone, che viene però intercettato dalla difesa, si impenna e giunge alla disponibilità del nostro Capitano Andrea Fazio che con un delizioso pallonetto di testa batte il portiere, portando in vantaggio la VirtusDB.

Sull’onda dell’entusiasmo la squadra ha continuato a spingere cercando il raddoppio che però non è arrivato, al 41 minuto un traversone diretta verso la nostra area viene allontantanato dalla nostra difesa, il pallone però diventa giocabile dal numero 11 avversario che a tu per tu con il nostro portiere non sbaglia, riportando la partita sul pari.

Proprio in questo stesso campo, nella prima giornata di campionato, un gol subito per una disattenzione difensiva negli ultimi minuti del primo tempo ha aperto le marcature avversarie, i ragazzi sono quindi dovuti tornare negli spogliatoi con la paura che potesse accaddere di nuovo, la bravura del Mister è stata proprio nello spogliatoio risollevare il morale della squadra che una volta rientrata in campo non sembrava più così tanto preoccupata.

Minuto dopo minuto, i giocatori giallo-blu hanno iniziato a riacquistare fiducia nei propri mezzi e così al 22′ del secondo tempo, il numero 15 Sali Andrea scappa dal difensore e poi con un bellissimo passaggio filtrante cerca di servire Sicari che nonostante il disturbo del difensore avversario riesce ad entrare in possesso del pallone, trovandosi 1 contro 1 con il portiere non sbaglia e regala il vantaggio alla Virtus.

La partita poi si conclude su questo risultato, ma per poter raggiungere i 3 punti la squadra ha dovuto soffrire e attendere, aiutata anche un po’ dalla fortuna con 2 traverse colpite dagli avverari e un salvataggio sulla linea di Murja Maris che vale come un gol.

Nonostante i pericoli la Virtus Don Bosco ha meritato la vittoria, andando più volte  vicina al gol e mancandolo davvero per poco il gol, l’obiettivo di Mr. Claudio Ponte sarà sicuramente allenare la squadra a capitalizzare maggiormente le occasioni create.

Un esordio casalingo da ricordare

UN ESORDIO CASALINGO DA RICORDARE PER LA VIRTUS DON BOSCO

Domenica 5 Novembre ,

 h. 18.00

Campo sportivo “Olmo-Ferro”

Un’atmosfera elettrica ha accolto la Virtus Don Bosco nel loro primo incontro casalingo della storia, trasformando il campo dell’Olmo-Ferro in un teatro di gioia pura con una vittoria per 2-0 contro il Mallare. Un match che segna, dopo il passo falso della prima giornata, un nuovo e promettente inizio per la squadra appena nata, la Virtus, che ha mostrato come la sostanza e il cuore possono trasformare anche i momenti di difficoltà in trionfi.

Il primo tempo ha presentato una lotta serrata, con entrambe le formazioni che hanno messo a dura prova i legni della porta avversaria. Nonostante il Mallare stesse incalzando la difesa giallo-blu, creando qualche rischio a Federico Mantero, la Virtus Don Bosco ha resistito con tenacia, sostenuta da una prestazione di sostanza del suo numero 11 Rocco Carabetta, la cui uscita dal campo, durante l’intervallo, non ha comunque scosso l’equilibrio della squadra.

L’ingresso dagli spogliatoi ha visto una Virtus trasformata, con più determinazione nelle giocate e una visibile fiducia acquisita. In un turbinio di passione, è stato il nostro numero 8, Mattia Cimolato a dominare il palcoscenico, mettendo in luce la propria presenza con un gioco che ha trascinato i compagni verso il successo.

La rete del vantaggio ha spronato i padroni di casa ad esplorare con coraggio ogni angolo del campo, spingendo il Mallare a cedere terreno. La Virtus ha tessuto azioni su azioni, e il gol del raddoppio ha suggellato la serata, consolidando una vittoria che non è stata solo sportiva, ma anche simbolica.

Nel dopo partita, il presidente Soffiotto ha tenuto a ribadire l’importanza dello sport come veicolo educativo, enfatizzando che la missione della prima squadra va oltre i semplici risultati: “Il nostro obiettivo principale è mettere lo sport al centro di un valore educativo completo“. Questa filosofia si estende alla prima squadra, che si propone di far emergere valori autentici, in antitesi ad una visione riduttiva che valuta solo la prestazione e il nome sulle maglie.

Questo inizio di stagione è una dimostrazione chiara che la Virtus Don Bosco non è soltanto una squadra di calcio, ma un progetto di vita, un impegno verso la crescita personale e collettiva dei suoi giovani atleti. Un traguardo significativo, che ha lasciato un’impronta indelebile non solo sul punteggio finale, ma sull’intero spirito della comunità.

La vittoria contro il Mallare non è solo un evento da ricordare, ma il primo passo di un viaggio entusiasmante che la Virtus Don Bosco è pronta a intraprendere con audacia e integrità. La partita di ieri sera è stata la dichiarazione di un club che punta in alto, non solo per i risultati, ma per il suo impegno a costruire qualcosa di più grande: una squadra che si distingue per valori, spirito di squadra e un’inestimabile passione per il gioco.

Immagine WhatsApp 2023-10-29 ore 20.42.48_b7649178

Si è fatta la storia

Vinto o perso,
oggi si è scritta la storia!

Domenica 29 Ottobre,

 h. 14:30 

Campo sportivo “Felice Levratto”

Per la prima volta nella storia, l’arbitro fischia l’inizio di una competizione ufficiale alla quale prende parte la Virtus Don Bosco.

I preparativi a questo momento

La prima squadra inizia la preparazione il 28 di Agosto, sotto la guida del Mister Claudio Ponte e del suo staff.

La squadra svolge la preparazione con non poche difficoltà, faticando nel trovare un campo che li ospitasse per gli allenamenti.
La preparazione infatti comincia sul campo dell’oratorio, per poi a seguito di un accordo con i Pirates di Albissola proseguire parte della preparazione sul campo di Luceto, dove la squadra può finalmente fare i primi lavori tattici su campo a 11.

Dalla seconda metà del mese di Settembre iniziano i primi allenamenti congiunti con Priamar, Letimbro e Cengio, nella quale la squadra si trova per la prima volta a giocare contro degli avversari e può finalmente lavorare sulla sintonia tra i giocatori in campo.

La nostra squadra

La squadra è variegata e eterogenea composta da giovani del territorio e qualche uomo d’esperienza che possa accompagnarli.

Nel progetto fin dal principio ci sono alcuni giocatori “della prima ora” legati all’ambiente dell’Oratorio e affezionati ai valori che trasmette, tra questi spiccano i nomi di: Berlanzoli Fulvio, Cimolato Mattia, Dondo Elia.

Una serie di altri giovani entra poi a far parte della squadra per seguire il condottiero Mr. Claudio Ponte che nella precedente stagione li ha guidati nella Juniores dell’Arenzano, i fedelissimi di Ponte sono: Rogna Andrea, Capelli Giovanni, Siri Roberto e Sali Andrea.
Da sottolineare che molti componenti della squadra sono stati allenati dal Mister nel passato e si sono decisi ad entrare nel progetto proprio grazie alla sua presenza.

Infine all’organico nel corso delle settimane si sono aggiunti altri giocatori, di tutte le età, che conosciuto il progetto e la serietà e avendo qualche amico già tra le fila, hanno scelto di abbracciare i colori gialloblu : Mantero Federico, Fazio Andrea, Fazio Nicolò, Fazio Andrea, Murja Maris, Sicari Giacomo, Carabetta Rocco, Pucciarelli Giacomo, Baglietto Manuel, Valle Alessio, Foddanu Giovanni, Cosentino Riccardo, Siri Massimiliano.

Il Match

Primo Tempo

Gli undici titolari sono: 

1 Mantero Federico, 2 Capelli Giovanni, 3 Fazio Nicolò, 4 Dondo Elia, 5 Siri Roberto, 6 Murja Maris, 7 Calabria Michael, 8 Rogna Andrea, 9 Sicari Giacomo, 10 Fazio Andrea(C), 11 Cimolato Mattia.

A disp: 12 Berlazoli Fulvio, 13 Valle Alessio, 14 Taglienti Iran Massimiliano, 15 Baglietto Manuel, 16 Sali Andrea, 17 Perata Emanuele, 18 Carabetta Rocco.

Scende in campo una squadra compatta che cerca di concedere poco ad un’ottima squadra che già ha avuto modo nel mese di Ottobre con la Coppa Liguria di abituarsi all’agonismo e che per organico si prospetta essere tra le favorite del campionato.

La squadra tiene botta, manca ancora la sintonia in fase di manovra ma è fisiologico essendo la prima vera partita della squadra.

Il rientro negli spogliatoi però ha avuto un gusto amaro, al 44′ infatti da una rimessa laterale all’altezza della nostra area di rigore, l’attaccante avversario compie una prodezza e liberatosi della marcatura in area riesce a concludere a rete.

Questa disattenzione manda il morale della squadra a terra e la gestione delle emozioni è fondamentale in questi tipi di partite.

Secondo tempo

Dopo il discorso di Mr. Ponte negli spogliatoi la squadra torna in campo a testa alta cercando fin da subito il pareggio.

Per i primi 10′ del secondo tempo la squadra manovra bene e si avvicina al pareggio in alcune occasioni, lo sbilanciamento offensivo però come altro lato della medaglia mette maggiormente in difficoltà il reparto difensivo, l’affanno inizia così a farsi sentire le occasioni di attaccare diventano sempre meno e la squadra ripiega.

La stanchezza che si fa sentire e l’umore che peggiora iniziano a mettere in difficoltà la squadra, l’attenzione cala e una disattenzione può costare caro.

Arriva così il secondo gol, una sfortunata serie di rimpalli di compagni e avversari e alla fine la palla, non si sa neanche bene come, finisce in porta.
La sfortuna si offre volontaria per dare il colpo di grazia, da questo momento la squadra non ha più la forza e il coraggio di reagire, cerca di reggere botta e di non concedere campo, il risultato rimane fermo fino al 90′ quando l’attaccante avversario si gira in un fazzoletto e realizza il terzo gol della gara.

La gara infine si conclude con un infortunio per Taglienti che esce dal campo accompagnato dal preparatore e dei compagni ancora a disposizione. 
Un grande in bocca al lupo di pronta a guarigione a Max.

Prima sconfitta per 3-0 per la Virtus che non deve assolutamente mollare e deve pensare subito a preparare la gara che la vedrà impegnata contro il Mallare domenica prossima, in casa, nel campo sportivo “Olmo Ferro”. 

Annunciata la maglia della prima squadra

Annunciate le maglie della Virtus

I NOSTRI COLORI

Il Giallo e Blu sono i nostri colori sociali, sono stati scelti per riprendere la storia da cui noi proveniamo erano infatti i colori del G.S. Don Bosco Varazze.
Dalla vecchia squadra dell'Oratorio ereditiamo i valori, lo spirito rivolto ai giovani e i colori ma con uno staff e una dirigenza tutta nuova.
Corsi e ricorsi storici, attraverso lo sport vogliamo riavvicinare i ragazzi all'Oratorio, cercando di trasmettere loro sani valori e soprattutto allontanandoli dalle strade e da realtà tossiche che si disinteressano del loro bene.

Il NOSTRO SPONSOR

All' inizio della nostra avventura abbiamo incontrato sul nostro cammino molti curiosi, prima di voler incontrare società che ci volessero fare da sponsor, abbiamo voluto incontrare persone che credessero nel progetto ed è stata proprio in una di queste occasioni che oltre a stringere un bella amicizia abbiamo trovato anche uno sponsor che si merita l'esclusiva sulle nostre maglie: Cantieri Mostes.
Poter portare sul petto il nome di una azienda che porta lustro alla nostra città è il cerchio che si chiude, la condivisione del progetto è totale, come loro per noi sono stati una prima scelta, noi lo siamo stati per loro, perchè il nostro progetto che ha l'ambizione in primis di educare non è solo una favola ma attraverso il loro aiuto ora, sta diventando realtà.